0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Guida agli anelli di fidanzamento

08/02/2019

Piccola guida agli anelli di fidanzamento

Per ogni coppia arriva, ad un certo punto della vita, un momento di svolta. Solitamente, lo stesso coincide con la scelta di convolare a nozze o, più semplicemente, con la promessa di un impegno serio e duraturo.

Si sceglie di suggellare questo importante avvenimento con un oggetto che, da sempre, è sinonimo di amore e vincolo reciproco: l’anello di fidanzamento.

Lo stesso ha mantenuto, nei secoli, immutato il suo intrinseco significato, facendo sognare i giovani innamorati di tutto il mondo.  L’evoluzione della moda e delle nuove tendenze ha, però, portato ad una vasta diversificazione delle proposte presenti oggi sul mercato, generando comprensibili dubbi in chi si appresta a fare questo acquisto.

Un oggetto che custodisce un sogno

Intramontabile è l’immagine del cavaliere che, aprendo la famosa scatolina, mostra alla sua dama la pietra preziosa che ha scelto di metterle al dito, come segno della propria devozione. L’anello di fidanzamento è molto più che un oggetto. È il sogno che si avvera, è la consapevolezza di aver trovato l’altra metà della mela. Tale romantica riflessione non può e non deve, però, offuscare un altro importante dettaglio: la donna con indosso un anello di fidanzamento è una donna che lo sfoggerà in pubblico, mostrandolo orgogliosa ad amici e parenti. Questo è uno, se non il più importante, dei motivi che spingono l’uomo a fare, per l’anello, una scelta ben ponderata, obbligandolo a destreggiarsi fra metalli preziosi, pietre e carati.

I più comuni parametri di scelta

Tutto inizia dalla scelta del metallo prezioso che creerà la struttura dell’anello di fidanzamento. Tra i più gettonati, sicuramente, l’oro ed il platino, sinonimo di eccellenza per ogni casa produttrice. Molti, però preferiscono agganciare l’anello alla personalità, per far sì che questo ne rappresenti un carattere distintivo. Si opta, perciò, per metalli più particolati, come il titanio e l’acciaio inossidabile. Un anello di fidanzamento che si rispetti monta una pietra preziosa, valutabile secondo diversi parametri quali, su tutti, il taglio ed i carati. Si sa, un diamante è per sempre ed è da sempre sinonimo di amore duraturo, ma, soprattutto negli ultimi anni, si assiste alla tendenza, sempre più frequente, di scegliere anelli di fidanzamento adornati da pietre diverse dal diamante, come zaffiri ed acquamarina. Una scelta importante, da affrontare con l’ausilio di professionisti del settore, proprio come quelli che puoi incontrare da Fausto Airoldi. Vieni a trovarci, siamo a Calusco d’Adda (BG), in Piazza S. Rocco n. 52.